Legge di Bilancio 2019: che cosa prevede per il settore immobiliare


11/01/2019

Approvata negli ultimi giorni del 2018, la Legge di Bilancio 2019 prevede diverse misure che toccano il settore immobiliare. Vediamo le principali.

Innanzitutto, oltre alla ormai consueta introduzione di detrazioni fiscali per gli interventi di recupero edilizio e risparmio energetico, sono state prorogate le agevolazioni relative al Bonus Mobili (per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici) e all'Ecobonus

Entrando nel merito delle novità, invece, si segnala l'introduzione della cedolare secca sugli immobili commerciali, che diventa applicabile per i contratti di locazione stipulati nel 2019 relativi a locali commerciali rientranti nella categoria catastale C/1 (fino a 600 mq di superficie, escluse le pertinenze).

Altri importanti intereventi, invece, riguardano gli immobili strumentali. Da una parte la percentuale di deducibilità dalle imposte sui redditi dell’Imu dovuta su tali immobili viene raddoppiata (dal 20% al 40%); dall'altra l'estromissione agevolata dei beni immobili strumentali viene estesa alle esclusioni dal patrimonio dell’impresa dei beni posseduti al 31 ottobre 2018, effettuate dal 1° gennaio al 31 maggio 2019. I versamenti rateali dell’imposta sostitutiva dell’8% devono essere eseguiti, rispettivamente, entro il 30 novembre 2019 e il 16 giugno 2020.

Tra le altre novità, infine, segnaliamo che la riduzione del 50% della base imponibile dell’Imu e della Tasi prevista per gli immobili concessi in comodato d’uso a parenti in linea retta (entro il primo grado) i quali li utilizzano come abitazione principale viene estesa, in caso di morte del comodatario, al coniuge di quest’ultimo in presenza di figli minori.